+39 011 199 28 012 | segreteria@medicalteamtorino.com

Via Fratelli Carle, 33 – Torino

Dott.ssa

Claudia Bonino

Attivita’ di ricerca Si è dedicata alla valutazione clinica e laboratoristica dei pazienti affetti da Sclerosi Sistemica, con particolare interesse per il ruolo del brain natriuretic peptide nello screening e nel monitoraggio del trattamento dell’ipertensione arteriosa polmonare [5] [8] [9] . E’ attualmente coinvolta in prima persona nell’arruolamento e nella raccolta dei dati dei pazienti affetti da Sclerosi Sistemica inclusi negli studi riguardanti lo screening dell’ipertensione arteriosa polmonare con l’utilizzo di Ecocardiogramma sotto sforzo e RMN cardiaca in collaborazione con l’U.O. di Cardiologia e di Radiologia ed in quello relativo alla valutazione dello stato nutrizionale in collaborazione con il Servizio di Dietetica. Si occupa inoltre dello studio dell’eventuale correlazione tra particolari polimorfismi genici del recettore tipo II del complemento (CRD2/CD21) e lo sviluppo di diversi tipi di subset in corso di Sclerosi Sistemica [4]. Si è dedicata allo studio dei pazienti affetti da Artrite Reumatoide, soprattutto all’identificazione del possibile ruolo prognostico dei polimorfismi genici della mannan-binding lectine [1]. Dal Marzo 2007 si occupa del progetto di ricerca riguardante lo studio degli indicatori della risposta terapeutica nell’artrite reumatoide iniziale. Attività clinica Ha svolto attività clinica di reparto, ambulatorio e day-hospital durante la quale, accanto alla cura dei pazienti, si è dedicata anche all’attività didattica (svolta in loco) per gli studenti del IV anno del corso di laurea in Medicina e Chirurgia, nonché degli studenti laureandi (Tesi di Laurea: anno accademico 2004/2005 – “Polimorfismi genici della Mannan Binding Lectine nei pazienti con Artrite Reumatoide: correlazione con la risposta al trattamento”; anno accademico 2005/2006 – “Significato clinico della variazione del Brain Natriuretic Peptide nella Sclerosi Sistemica”; anno accademico 2006/2007 – “Stato nutrizionale nei pazienti affetti da Sclerosi Sistemica: correlazione con l’indice di attività e danno”). Durante gli anni di specializzazione ha appreso, e quindi regolarmente effettuato, diverse procedure diagnostico-terapeutiche invasive (artrocentesi, infiltrazioni, biopsie delle ghiandole salivari) e non invasive (ecografie osteoarticolari) svolte presso l’Unità Operativa di Reumatologia. Attualmente presta servizio presso l’ambulatorio dell’Unità Operativa di Reumatologia, occupandosi in particolare di: – assistenza dei pazienti affetti da Sclerosi Sistemica – assistenza dei pazienti affetti da Artrite Reumatoide refrattaria al trattamento con farmaci tradizionali in terapia con anti TNF-alfa – assistenza dei pazienti affetti da Lupus Eritematoso Sistemico in trattamento con micofenolato mofetile – assistenza dei pazienti affetti da osteoporosi in terapia con antiriassorbitivi – esecuzione di indagini strumentali quali la Videocapillaroscopia periungueale e l’ecografia osteoarticolare E’ stata investigator nel trial clinico CURE (prospective study on intensive early rheumatoid arthritis treatment with adalimUmab: induction of Remission and maintenance – ‘CURE’- A Phase IV multicenter, randomized, double-blind study).
Reumatologia

Connettivite
Artrite reumatoide
Osteoartrosi
Osteoporosi
Tendinite
Artropatia psoriasica
Periar
Febbre reumatica
Lupus erimatoso sistemic
Reumatologia
Spondiloartrite

FORMAZIONE:

Attivita’ di ricerca Si è dedicata alla valutazione clinica e laboratoristica dei pazienti affetti da Sclerosi Sistemica, con particolare interesse per il ruolo del brain natriuretic peptide nello screening e nel monitoraggio del trattamento dell’ipertensione arteriosa polmonare [5] [8] [9] . E’ attualmente coinvolta in prima persona nell’arruolamento e nella raccolta dei dati dei pazienti affetti da Sclerosi Sistemica inclusi negli studi riguardanti lo screening dell’ipertensione arteriosa polmonare con l’utilizzo di Ecocardiogramma sotto sforzo e RMN cardiaca in collaborazione con l’U.O. di Cardiologia e di Radiologia ed in quello relativo alla valutazione dello stato nutrizionale in collaborazione con il Servizio di Dietetica. Si occupa inoltre dello studio dell’eventuale correlazione tra particolari polimorfismi genici del recettore tipo II del complemento (CRD2/CD21) e lo sviluppo di diversi tipi di subset in corso di Sclerosi Sistemica [4]. Si è dedicata allo studio dei pazienti affetti da Artrite Reumatoide, soprattutto all’identificazione del possibile ruolo prognostico dei polimorfismi genici della mannan-binding lectine [1]. Dal Marzo 2007 si occupa del progetto di ricerca riguardante lo studio degli indicatori della risposta terapeutica nell’artrite reumatoide iniziale. Attività clinica Ha svolto attività clinica di reparto, ambulatorio e day-hospital durante la quale, accanto alla cura dei pazienti, si è dedicata anche all’attività didattica (svolta in loco) per gli studenti del IV anno del corso di laurea in Medicina e Chirurgia, nonché degli studenti laureandi (Tesi di Laurea: anno accademico 2004/2005 – “Polimorfismi genici della Mannan Binding Lectine nei pazienti con Artrite Reumatoide: correlazione con la risposta al trattamento”; anno accademico 2005/2006 – “Significato clinico della variazione del Brain Natriuretic Peptide nella Sclerosi Sistemica”; anno accademico 2006/2007 – “Stato nutrizionale nei pazienti affetti da Sclerosi Sistemica: correlazione con l’indice di attività e danno”). Durante gli anni di specializzazione ha appreso, e quindi regolarmente effettuato, diverse procedure diagnostico-terapeutiche invasive (artrocentesi, infiltrazioni, biopsie delle ghiandole salivari) e non invasive (ecografie osteoarticolari) svolte presso l’Unità Operativa di Reumatologia. Attualmente presta servizio presso l’ambulatorio dell’Unità Operativa di Reumatologia, occupandosi in particolare di: – assistenza dei pazienti affetti da Sclerosi Sistemica – assistenza dei pazienti affetti da Artrite Reumatoide refrattaria al trattamento con farmaci tradizionali in terapia con anti TNF-alfa – assistenza dei pazienti affetti da Lupus Eritematoso Sistemico in trattamento con micofenolato mofetile – assistenza dei pazienti affetti da osteoporosi in terapia con antiriassorbitivi – esecuzione di indagini strumentali quali la Videocapillaroscopia periungueale e l’ecografia osteoarticolare E’ stata investigator nel trial clinico CURE (prospective study on intensive early rheumatoid arthritis treatment with adalimUmab: induction of Remission and maintenance – ‘CURE’- A Phase IV multicenter, randomized, double-blind study).

SPECIALIZZAZIONI:

Reumatologia

PATOLOGIE TRATTATE:

Connettivite
Artrite reumatoide
Osteoartrosi
Osteoporosi
Tendinite
Artropatia psoriasica
Periar
Febbre reumatica
Lupus erimatoso sistemic
Reumatologia
Spondiloartrite